Quel che resta dello strutturalismo: Lévi-Strauss nel ventunesimo secolo