Recensione a S. Pinker, Il declino della violenza