Recensione a S. Landucci, la contraddizione in Hegel