Dal cine-occhio al video-occhio: riflessioni sull'eredità di Vertov