Sull'adattabilità del modello produttivo giapponese alle imprese occidentali