L'uso di "anaireîn" in uno schema confutatorio aristotelico