A proposito di alcune osservazioni di G. Bonfante