A proposito di un'interpretazione del Toutonenstein