Enrico Testa: il soggetto si perde e si ritrova in un mondo globale