Il problema del limite di fatica nel caso di spettri ad ampiezza variabile