Sulla nozione di divisione del lavoro. Una lettura critica