Vittorio Alfieri, Edmund Burke e la rivoluzione francese