Da Notaio a Maestro di Casa: la ‘confezione’ degli inventari a Firenze durante il Principato