Libertà sindacale, pluralismo e certezza del diritto