L’elaborazione delle similitudini nell’«Orlando furioso»: i canti XXXVII e XLVI