“EMPORIUM che non conosce limiti di luoghi né di argomenti“: gli oggetti d'arte sacra nelle pagine della rivista