Açoka e la trasmissione degli editti: considerazioni su E.R. III,(E)