La Barsotti rileva come l'operazione teatrale dell’autore si ponga, per l'Italia, all’inizio del processo di trasformazione drammaturgico-spettacolare che interessa il Novecento europeo: dall'esigenza di una diversa utilizzazione dello spazio scenico (come indicano i suoi progetti per il teatro all'aperto di Albano) allo stimolo per aprire le convenzionali strutture della rappresentazione, mediante un personalissimo impiego della didascalia o di altri strumenti, coreografici e scenografici. D’altra parte il teatro di d’Annunzio offre una testimonianza della crisi di quel «Dramma» che esso invece intendeva resuscitare: la sua «tragedia moderna» mostra i sintomi d'una patologia tematico-strutturale che stava minando l'organismo del dramma classico, divenuto modulare nell'Ottocento più di quanto non apparisse all’autore stesso; patologia che, al di là di lui (anche se non sempre al di fuori di lui), avrebbe stimolato altri non solo a trovare terapie efficaci che «salvassero» quell'organismo, ma pure a creare organismi nuovi, idonei a tradurre in spettacolo ambienti e climi, situazioni del Novecento.

Il "teatro di poesia" (Studi dannunziani)

BARSOTTI, ANNA
1978

Abstract

La Barsotti rileva come l'operazione teatrale dell’autore si ponga, per l'Italia, all’inizio del processo di trasformazione drammaturgico-spettacolare che interessa il Novecento europeo: dall'esigenza di una diversa utilizzazione dello spazio scenico (come indicano i suoi progetti per il teatro all'aperto di Albano) allo stimolo per aprire le convenzionali strutture della rappresentazione, mediante un personalissimo impiego della didascalia o di altri strumenti, coreografici e scenografici. D’altra parte il teatro di d’Annunzio offre una testimonianza della crisi di quel «Dramma» che esso invece intendeva resuscitare: la sua «tragedia moderna» mostra i sintomi d'una patologia tematico-strutturale che stava minando l'organismo del dramma classico, divenuto modulare nell'Ottocento più di quanto non apparisse all’autore stesso; patologia che, al di là di lui (anche se non sempre al di fuori di lui), avrebbe stimolato altri non solo a trovare terapie efficaci che «salvassero» quell'organismo, ma pure a creare organismi nuovi, idonei a tradurre in spettacolo ambienti e climi, situazioni del Novecento.
Barsotti, Anna
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11568/52
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact