L'androginia divina e i suoi presupposti filosofici: il mediatore celeste