“Irriducibilmente diversi”. Una riflessione su ziganofobia e potere simbolico dello Stato