"Il fittizio lume della magia": su de Martino e il relativismo antropologico