«Acciò si veda in ogni tempo la quantità, e qualità di tali cose». La collezione di Paolo Lipparelli e la cultura figurativa del Seicento a Lucca