Il saggio analizza l'inventario della collezione di dipinti, disegni, sculture, volumi a stampa, strumenti matematici raccolta da Paolo Lipparelli, matematico, cartografo ed ingegnere della Repubblica di Lucca durante il Seicento, valorizzando il rapporto che essa intrattiene con la cultura scientifica, figurativa e letteraria elaborata, in ambito europeo, nello stesso periodo. Puntando su di essa diviene così possibile contestualizzare in miglior modo la produzione degli artisti lucchesi più significativi di quegli anni, Paolini, Testa e Ricchi in particolare.

«Acciò si veda in ogni tempo la quantità, e qualità di tali cose». La collezione di Paolo Lipparelli e la cultura figurativa del Seicento a Lucca

AMBROSINI, ALBERTO
2014

Abstract

Il saggio analizza l'inventario della collezione di dipinti, disegni, sculture, volumi a stampa, strumenti matematici raccolta da Paolo Lipparelli, matematico, cartografo ed ingegnere della Repubblica di Lucca durante il Seicento, valorizzando il rapporto che essa intrattiene con la cultura scientifica, figurativa e letteraria elaborata, in ambito europeo, nello stesso periodo. Puntando su di essa diviene così possibile contestualizzare in miglior modo la produzione degli artisti lucchesi più significativi di quegli anni, Paolini, Testa e Ricchi in particolare.
Ambrosini, Alberto
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11568/538917
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact