"La libertà è schiavitù". Il diritto di schiavitù tra fallacie contrattualistiche e ambiguità liberali