La prima versione della Summa Trium Librorum di Rolando da Lucca fu composta tra 1195 e 1197. Conquistata la Sicilia, Rolando pensava di assistere alla rinascita dell’impero romano. Decise così di commentare Tres Libri, che trattano del diritto pubblico. Nonostante fosse uno iudex attivo nel comune di Lucca, R. pensa che il territorio vada diviso tra domini diretti imperiali, signorie e piccoli distretti cittadini. Ai cives, in cambio, va garantita l’esenzione fiscale dai tributi ordinari a base signorile. L’equilibrio tra poteri e le risorse fiscali necessarie all’impero vanno individuate in base ai Tres Libri, che R. commenta. Per un buon funzionamento dell’impero sono fondamentali gli ufficiali imperiali. Le loro oscure origini sociali, la loro attitudine proprietaria e la loro ignoranza minacciano il nuovo ordine, causando pericolosi attriti tra imperatore e sudditi. Nel proemio, dedicato a Enrico VI, Rolando propone di non scegliere più gli ufficiali tra i ministeriales tedeschi, ma tra gli iudices italici, come lo stesso Rolando, ben più adatti allo scopo. La Summa mostra che la “monarchia feudale sveva” era presa sul serio e sostenuta anche da alcuni cives lucchesi. La prematura morte di Enrico VI pose fine al progetto, ma questo non era un esito scontato – né dovrebbe esserlo per chi studia quel periodo.

«Iugum eius videbitur nobis suave». Una lettura politica della prima versione (1195/97) della Summa Trium Librorum di Rolando da Lucca

COLLAVINI, SIMONE MARIA
2014

Abstract

La prima versione della Summa Trium Librorum di Rolando da Lucca fu composta tra 1195 e 1197. Conquistata la Sicilia, Rolando pensava di assistere alla rinascita dell’impero romano. Decise così di commentare Tres Libri, che trattano del diritto pubblico. Nonostante fosse uno iudex attivo nel comune di Lucca, R. pensa che il territorio vada diviso tra domini diretti imperiali, signorie e piccoli distretti cittadini. Ai cives, in cambio, va garantita l’esenzione fiscale dai tributi ordinari a base signorile. L’equilibrio tra poteri e le risorse fiscali necessarie all’impero vanno individuate in base ai Tres Libri, che R. commenta. Per un buon funzionamento dell’impero sono fondamentali gli ufficiali imperiali. Le loro oscure origini sociali, la loro attitudine proprietaria e la loro ignoranza minacciano il nuovo ordine, causando pericolosi attriti tra imperatore e sudditi. Nel proemio, dedicato a Enrico VI, Rolando propone di non scegliere più gli ufficiali tra i ministeriales tedeschi, ma tra gli iudices italici, come lo stesso Rolando, ben più adatti allo scopo. La Summa mostra che la “monarchia feudale sveva” era presa sul serio e sostenuta anche da alcuni cives lucchesi. La prematura morte di Enrico VI pose fine al progetto, ma questo non era un esito scontato – né dovrebbe esserlo per chi studia quel periodo.
Collavini, SIMONE MARIA
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Collavini, Rolando, SM 2014.pdf

solo utenti autorizzati

Tipologia: Versione finale editoriale
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 511.12 kB
Formato Adobe PDF
511.12 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11568/635463
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact