«Iugum eius videbitur nobis suave». Una lettura politica della prima versione (1195/97) della Summa Trium Librorum di Rolando da Lucca