A proposito di un recente volume su tempo e aspetto