Sui rapporti tra l’art. 152 comma 2° c.p.p. e la presunzione di non colpevolezza dell’imputato