La Corte sceglie il rigore: questione inammissibile per insufficiente definizione dell’oggetto e genericità della relativa motivazione