Quando domandare è (cor)rispondere