L'opera prima di Silvia Avallone presenta una Piombino inedita, in cui si muovono personaggi che vivono ai margini della società e che devono ogni giorno lottare per avere il minimo indispensabile a un'esistenza decorosa. Sullo sfondo, la Lucchini, la fabbrica che regola i ritmi di vita della città. Sogni, aspettative e delusioni di due giovani amiche adolescenti, che si scontrano con una realtà dura e ostile.

Recensione al 'caso letterario' del 2010: 'Acciaio' di Silvia Avallone. Inferno o speranza?

BINI, DANIELA
2010

Abstract

L'opera prima di Silvia Avallone presenta una Piombino inedita, in cui si muovono personaggi che vivono ai margini della società e che devono ogni giorno lottare per avere il minimo indispensabile a un'esistenza decorosa. Sullo sfondo, la Lucchini, la fabbrica che regola i ritmi di vita della città. Sogni, aspettative e delusioni di due giovani amiche adolescenti, che si scontrano con una realtà dura e ostile.
9788857504513
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11568/698863
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact