Non tutti i mali vengono per nuocere: la “kelsenite” di Bobbio