Goethe, Gombrich e l'immagine dell' 'universalmente umano'