Vittima sacrificale o «distruttrice di città»? La costruzione del personaggio nell'Ifigenia in Aulide