Machiavelli è stato un realista politico sfortunato, condannato all'ozio da un mondo che, a suo dire, non riconosceva la sua scienza. Il saggio indaga questo aspetto, che sarebbe superficiale ridurre a curiosità biografica, alla luce della sua recentemente rivalutata ispirazione epicurea. Machiavelli ha una strategia teorica per fare i conti con l'insuccesso? Oppure, una volta venuta meno la filosofia della storia della tradizione hegeliano-marxista che ne ha celebrato il realismo, si riduce a un perdente senza onore, avendo eliminato quanto permetteva all'epicurea antico di essere indipendente dalla politica, in cambio di niente?

Sapere e non potere: la sfortuna di Machiavelli

PIEVATOLO, MARIA CHIARA
2014

Abstract

Machiavelli è stato un realista politico sfortunato, condannato all'ozio da un mondo che, a suo dire, non riconosceva la sua scienza. Il saggio indaga questo aspetto, che sarebbe superficiale ridurre a curiosità biografica, alla luce della sua recentemente rivalutata ispirazione epicurea. Machiavelli ha una strategia teorica per fare i conti con l'insuccesso? Oppure, una volta venuta meno la filosofia della storia della tradizione hegeliano-marxista che ne ha celebrato il realismo, si riduce a un perdente senza onore, avendo eliminato quanto permetteva all'epicurea antico di essere indipendente dalla politica, in cambio di niente?
Pievatolo, MARIA CHIARA
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
machiavelli.pdf

solo utenti autorizzati

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 157.94 kB
Formato Adobe PDF
157.94 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11568/749825
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact