Dante, Boccaccio e i significati della corte. Qualche osservazione a margine