«Noi leggiavamo un giorno per diletto»: il senso della lettura e della letteratura nel canto V dell’Inferno