Il soprintendente, i politici, i certosini, i calcesani e i soldati: cronaca di un riuso (e di una guerra)