The vegetation survey of the “boschi di Coltano” (Pisa) was carried out by means of phytosociolocical relevés and data analyses. Represented by forestry bands perimetral to the’’ island of Coltano “or within this, these woods are a strip of forest vegetation survived the great transformations of the landscape of the plain adjacent Pisa in recent centuries. Characterized mainly by mixed stands with Quercus robur and Fraxinus oxycarpa, reveal, fragmented in the deciduous matrix, xeric areas of Quercion ilicis and, even more interesting, a great spread of Laurus nobilis. This, in addition to characterizing the undergrowth shrubs, in some areas, it becomes significantly dominant both from the point of view of the cover that the forest structure. Statistical analysis of vegetation data obtained, has allowed the identification of plant populations in some cases very different, albeit closely catenal. It was also highlighted the importance of the area in terms of history of vegetation landscape and for conservation.

E’ stata indagata dal punto di vista fitosociologico, in base a rilievi originali ed osservazioni dirette, la vegetazione dei “boschi di Coltano” (Pisa). Rappresentati da fasce forestali a cornice del nucleo centrale della Tenuta di Coltano o all’interno di questa, questi boschi costituiscono un lembo di vegetazione forestale sopravissuta alle grandi trasformazioni del paesaggio della pianura limitrofa Pisa negli ultimi secoli. Caratterizzati prevalentemente da popolamenti misti a Quercus robur e Fraxinus oxycarpa, rivelano, frammentate nella matrice forestale di caducifoglie, ampi lembi xerici del Quercion ilicis e, aspetto ancora più interessante, una estrema diffusione di Laurus nobilis che, oltre a caratterizzare il mantello arbustivo del sottobosco, in alcune aree, diventa decisamente dominante sia dal punto di vista della copertura che della struttura forestale. L’analisi statistica dei dati vegetazionali ottenuti, ha consentito l’individuazione di popolamenti vegetali in alcuni casi estremamente differenziati, seppure a stretto contatto catenale. È stata inoltre messa in evidenza l’importanza del paesaggio vegetale dell’area dal punto di vista storico e conservazionistico.

I BOSCHI DI COLTANO: ASPETTI STORICI, FISIONOMICI E VEGETAZIONALI DI UN PAESAGGIO FORESTALE RELITTO NEL PIANO DI PISA (TOSCANA).

BERTACCHI, ANDREA
;
LOMBARDI, TIZIANA
2015

Abstract

E’ stata indagata dal punto di vista fitosociologico, in base a rilievi originali ed osservazioni dirette, la vegetazione dei “boschi di Coltano” (Pisa). Rappresentati da fasce forestali a cornice del nucleo centrale della Tenuta di Coltano o all’interno di questa, questi boschi costituiscono un lembo di vegetazione forestale sopravissuta alle grandi trasformazioni del paesaggio della pianura limitrofa Pisa negli ultimi secoli. Caratterizzati prevalentemente da popolamenti misti a Quercus robur e Fraxinus oxycarpa, rivelano, frammentate nella matrice forestale di caducifoglie, ampi lembi xerici del Quercion ilicis e, aspetto ancora più interessante, una estrema diffusione di Laurus nobilis che, oltre a caratterizzare il mantello arbustivo del sottobosco, in alcune aree, diventa decisamente dominante sia dal punto di vista della copertura che della struttura forestale. L’analisi statistica dei dati vegetazionali ottenuti, ha consentito l’individuazione di popolamenti vegetali in alcuni casi estremamente differenziati, seppure a stretto contatto catenale. È stata inoltre messa in evidenza l’importanza del paesaggio vegetale dell’area dal punto di vista storico e conservazionistico.
Bertacchi, Andrea; Lombardi, Tiziana
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
BERTACCHI_coltano_Atti.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione finale editoriale
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 2.04 MB
Formato Adobe PDF
2.04 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11568/753885
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 2
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact