L'architettura del padiglione è uno dei pochi temi dell'architettura contemporanea in cui è presente la possibilità di lavorare in una relativa condizione di autonomia: nella maggior parte dei casi si tratta di un edificio che espone se stesso e quindi con condizionamenti di ordine funzionali irrilevanti. Proprio per questo carattere di "autonomia", l'architettura del padiglione serve spesso a sperimentare l'innovazione linguistica. E su questa qualità c'è un'importante genealogia: dal Padiglione di Vetro di Taut a Colonia, a quello di Barcellona, al padiglione Philips, a quelli della Vitra.

Brevi note sull'architettura del padiglione

LANINI, LUCA
2016

Abstract

L'architettura del padiglione è uno dei pochi temi dell'architettura contemporanea in cui è presente la possibilità di lavorare in una relativa condizione di autonomia: nella maggior parte dei casi si tratta di un edificio che espone se stesso e quindi con condizionamenti di ordine funzionali irrilevanti. Proprio per questo carattere di "autonomia", l'architettura del padiglione serve spesso a sperimentare l'innovazione linguistica. E su questa qualità c'è un'importante genealogia: dal Padiglione di Vetro di Taut a Colonia, a quello di Barcellona, al padiglione Philips, a quelli della Vitra.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
padiglione.poloA_5_paginasingola.pdf

accesso aperto

Descrizione: pdf pubblicato
Tipologia: Versione finale editoriale
Licenza: Creative commons
Dimensione 23.04 MB
Formato Adobe PDF
23.04 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11568/776843
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact