Il contributo utilizza il richiamo alla riflessione foscoliana sui sepolcri per analizzare in chiave prevalentemente adesiva le Sezioni Unite 15350 del 2015 sul danno tanatologico. In particolare, si difende l'itinerario iure proprio in quanto garante di una piena tutela risarcitoria del valore della vita, mentre si critica il percorso iure hereditario che non solo comporta forzature sul piano teorico e concettuale, ma determina anche ingiustizie sul terreno dei valori e dei risultati applicativi.

Con il risarcimento del danno è forse il sonno della morte men duro? Riflessioni in margine alle Sezioni Unite della Cassazione n. 15350 del 2015

NAVARRETTA, EMANUELA
2015

Abstract

Il contributo utilizza il richiamo alla riflessione foscoliana sui sepolcri per analizzare in chiave prevalentemente adesiva le Sezioni Unite 15350 del 2015 sul danno tanatologico. In particolare, si difende l'itinerario iure proprio in quanto garante di una piena tutela risarcitoria del valore della vita, mentre si critica il percorso iure hereditario che non solo comporta forzature sul piano teorico e concettuale, ma determina anche ingiustizie sul terreno dei valori e dei risultati applicativi.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
NAVARRETTA_Con-il-risarcimento-del-danno-forse-il-sonno-della-morte-men-duro.pdf

solo utenti autorizzati

Tipologia: Versione finale editoriale
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 79.95 kB
Formato Adobe PDF
79.95 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11568/784508
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact