Il cittadino digitale e la storia: un nuovo rapporto?