Komos e Satyricon: l’improvvisazione prima dell’imitazione