Ricasoli, la «consorteria» e le elezioni politiche del 1865