Il protidogramma nel gatto: intervalli di riferimento ed interpretazione clinica