Il contributo prende le mosse dall’analisi di una recente sentenza della Corte di cassazione (Cass., 5 aprile 2016, n. 6575) e ricostruisce la fattispecie del licenziamento discriminatorio (per discriminazione diretta di genere). L’autore esclude la riconducibilità della fattispecie al motivo illecito determinante e traccia i profili di differenziazione tra licenziamento discriminatorio e licenziamento cd. ritorsivo. Nella parte finale, poi, si forniscono delle coordinate per ricostruire il rapporto tra prova della discriminazione e prova della giustificazione del licenziamento.

Licenziamento discriminatorio: istruzioni per l'uso

GALARDI, RAFFAELE
2016

Abstract

Il contributo prende le mosse dall’analisi di una recente sentenza della Corte di cassazione (Cass., 5 aprile 2016, n. 6575) e ricostruisce la fattispecie del licenziamento discriminatorio (per discriminazione diretta di genere). L’autore esclude la riconducibilità della fattispecie al motivo illecito determinante e traccia i profili di differenziazione tra licenziamento discriminatorio e licenziamento cd. ritorsivo. Nella parte finale, poi, si forniscono delle coordinate per ricostruire il rapporto tra prova della discriminazione e prova della giustificazione del licenziamento.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Licenziamento discriminatorio.pdf

solo utenti autorizzati

Tipologia: Versione finale editoriale
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 572.27 kB
Formato Adobe PDF
572.27 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11568/850722
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact