Tra area grigia e mondo di mezzo. Anatomia di “mafia capitale”