Il marxismo, l'inconscio politico e Manzoni. Nota su Frederic Jameson