Sullo sfondo della crisi del '29, del "tradimento" di MacDonald e dell'avvento dei fascismi al potere, matura tra gli intellettuali socialisti inglesi degli anni Trenta la rottura dei vecchi equilibri del fabianesimo. Laski, Strachey e gli stessi Webb cedono al fascino di una lettura marxista della lotta di classe che non solo mette in discussione il valore delle istituzioni democratiche ma impedisce un'adeguata comprensione della natura e dei fini del totalitarismo

Gli anni Trenta e la deriva della cultura socialista britannica

PALAZZOLO, CLAUDIO
2004

Abstract

Sullo sfondo della crisi del '29, del "tradimento" di MacDonald e dell'avvento dei fascismi al potere, matura tra gli intellettuali socialisti inglesi degli anni Trenta la rottura dei vecchi equilibri del fabianesimo. Laski, Strachey e gli stessi Webb cedono al fascino di una lettura marxista della lotta di classe che non solo mette in discussione il valore delle istituzioni democratiche ma impedisce un'adeguata comprensione della natura e dei fini del totalitarismo
Palazzolo, Claudio
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11568/86016
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact