L’Altra Europa con Tsipras: tutti per uno, uno per tutti?