Le elezioni del 2015: continuità in mutamento?