La problematica definizione della «forma di governo» della Corte costituzionale